sabato 1 dicembre 2007

ASTROLOGIA - GLI EVENTI DEL MESE DI DICEMBRE


Ecco le posizioni planetarie per questo mese di dicembre: SOLE in Sagittario, dal 22 in Capricorno; LUNA nuova il 9 in Sagittario, LUNA piena il 24 in Cancro; MERCURIO in Scorpione, dal 2 in Sagittario, dal 21 in Capricorno; VENERE in Bilancia, dal 6 in Scorpione, dal 31 in Sagittario; MARTE retrogrado in Cancro; GIOVE in Sagittario, dal 19 in Capricorno; SATURNO in vergine, dal 20 retrogrado; URANO in Pesci; NETTUNO in Acquario; PLUTONE in Sagittario; CHIRONE in Acquario; NODO LUNARE NORD in Pesci; LUNA NERA in Scorpione.

L'evento astrale più significativo del mese è naturalmente il solstizio, che segnerà l'inizio dell'inverno astronomico nell'emisfero nord e dell'estate astronomica nell'emisfero sud. Il solstizio avverrà esattamente il giorno 22 alle ore 6.09 GMT (le 7.09 in Italia), in coincidenza naturalmente con l'ingresso del Sole nel segno zodiacale del Capricorno. Con il solstizio di dicembre nell'emisfero nord il giorno raggiunge la sua fase di minima durata e la notte la sua fase di massima durata, mentre nell'emisfero sud accade invece l'opposto. Questo dovrebbe far riflettere sulla fondatezza di certe affermazioni che si trovano su alcuni libri di astrologia, che associano le caratteristiche dei segni zodiacali alle stagioni climatiche corrispondenti. Si tratta evidentemente di una credenza del tutto infondata in quanto nell'emisfero sud le stagioni sono esattamente invertite, chi nasce a Buenos Aires o a Sydney mentre il Sole attraversa il Capricorno nasce in piena estate e non certo in inverno, eppure avrà sempre le stesse qualità capricorniane di chi è nato invece a Oslo o a Berlino nello stesso periodo sotto la neve e al gelo. Le caratteristiche dei segni zodiacali dipendono evidentemente da altri fattori che nulla hanno a che vedere con le stagioni climatiche, si potrebbe ipotizzare ad esempio che abbiano a che fare con il variare periodico della composizione in ioni della radiazione solare o da altri fattori, ancora non compresi o studiati a sufficienza, connessi con l'attività solare e le sue variazioni.

Nel corso di dicembre assisteremo all'atteso stazionamento di Saturno, che rimarrà fermo per tutto il mese a 8° Vergine invertendo il suo moto da diretto a retrogrado a partire dal giorno 20. Saturno poi retrocederà lentamente fino a 1° Vergine dove effettuerà il suo secondo stazionamento a maggio 2008, prima di riacquistare moto diretto. Sotto i riflettori dunque i settori zodiacali della Croce Mobile (Gemelli, Vergine, Sagittario, Pesci) intorno al grado 8, dato che saranno questi a risentire maggiormente di questo potente e sicuramente incisivo stazionamento di Saturno. Interessati in modo più blando e facilmente gestibile anche i settori omologhi dei segni posti in trigono o sestile, e quindi Toro, Capricorno, Scorpione e Cancro. Cosa potrà innescare individualmente dipenderà da cosa verrà attivato, e in quale modo, nel quadro di nascita personale, ma in generale Saturno è comunque un fattore che tende a mettere l'accento sulla realtà concreta e sugli aspetti pratici della vita, invitando a stare coi piedi per terra e ad essere realistici prima di tutto. Spesso lo fa con modalità non proprio gradevoli, ma si tratta pur sempre di un buon maestro di vita anche se severo, e non poco.

Un altro evento interessante in questo mese è il passaggio di Giove dal Sagittario al Capricorno. Il transito del pianeta in questo segno durerà come sempre un anno circa, ed esattamente fino al 5 gennaio 2009 quando farà il suo ingresso in Acquario. In questo mese di passaggio tra i due segni, Giove formerà un'assai interessante congiunzione con Plutone che sarà attiva per l'intero mese,e che intorno ai giorni del solstizio sarà ulteriormente rafforzata anche dalla presenza del Sole e di Mercurio, formando un possente stellium di 4 pianeti a cavallo tra fine Sagittario e inizio Capricorno. Coincidenza ha voluto che contemporaneamente Marte si trovi a transitare dalla parte opposta nei primi gradi del Cancro, per cui avremo per circa due settimane intorno al solstizio una configurazione davvero esplosiva considerando le caratteristiche e la disposizione dei fattori in gioco. Ci verrebbe da definirla una configurazione incendiaria e dagli effetti potenzialmente dirompenti, nel bene per chi saprà gestirla in modo costruttivo e nel male per chi non saprà farlo o dovrà subirla per ripercussione karmica.

La congiunzione Giove-Plutone, da sola, sarà come detto attiva per tutto il mese e interesserà i settori compresi grossomodo tra 26° Sagittario e 2° Capricorno, mettendo a disposizione un notevole quantitativo di energia che potrà prendere una direzione o l'altra a seconda delle capacità, delle predisposizioni e del karma individuale. Interessati in modo consistente naturalmente anche i settori in opposizione e quadratura, e quindi fine Gemelli-inizio Cancro, fine Pesci-inizio Ariete e fine Vergine-inizio Bilancia. Lo stellium sopracitato, con il concorso dell'opposizione di Marte, tenderà ad interessare più o meno gli stessi settori ma con qualche grado in più di estensione verso i segni Cardinali (Ariete, Cancro, Bilancia, Capricorno), diciamo circa fino al grado 5, ma sarà attiva al completo all'incirca da una settimana prima a una settimana dopo il solstizio, poi si scioglierà rapidamente a causa del moto rapido di Mercurio e Sole.

Con questo ci pare di aver detto abbastanza, per cui concludiamo con la visibilità dei pianeti in cielo. Sta ormai scomparendo dalla nostra vista Giove, in avvicinamento al Sole, e anche Mercurio sarà troppo vicino alla nostra stella per essere osservabile. Sarà invece sempre ben visibile Venere prima dell'alba verso est o sud-est, mentre Saturno sarà osservabile all'incirca da mezzanotte in avanti fino all'alba. Il pianeta meglio osservabile sarà tuttavia Marte, visibile già dopo le 19 circa e per tutto il resto della notte, prima basso verso est e poi via via più alto verso sud. Nell'immagine allegata, la carta astrale per il momento del solstizio del 22 dicembre, centrata su Greenwich. Si noti il vistoso stellium di 4 pianeti tra fine Sagittario e inizio Capricorno, in opposizione a Marte situato nei primi gradi del Cancro.

1 commento:

Gianni ha detto...

Ciao, complimenti per il blog e per il post.
Mi interesso anche io di astrologia di tanto in tanto, è una materia molto interessante e penso sia di grande importanza diffondere una corretta informazione su di essa.
Anche io ho un blog con una sezione dedicata all'astrologia.

Saluti,
Gianni